Fico D'india


Introdotto in Europa in età colombiana dagli spagnoli che lo importarono dal Messico, il fico d’India è presto diventato un elemento inscindibile nel panorama tipico del bacino del Mediterraneo, dove ha trovato le condizioni climatiche migliori per attecchire e svilupparsi - In Sicilia, in particolare, le “pale” di fico d’India crescono spontaneamente sui suoli sabbiosi e pianeggianti fornendo all’Isola frutti di alta qualità e pregio tanto che la nostra regione ne è, dopo il Messico, il secondo produttore mondiale. In Sicilia il ficodindia è coltivato in aree ben distinte: nella zona centro-orientale dell’Isola che fa capo al paese di San Cono, nel sud-ovest etneo nei territori di Belpasso, Militello, Paternò, Adrano e Biancavilla, nel Belice (zona sud-occidentale) dove la coltivazione di questa pianta interessa i comuni di Menfi, Montevago e soprattutto Santa Margherita Belice. Da agosto a Natale, dunque, l’Isola è un prolificare di questo esotico frutto che conta quattro diverse varietà: la gialla detta “sulfarina”, la rossa nota come “sanguigna”, la bianca denominata “muscarella” e quella dal tipico color arancio chiamata “moscateddo”.

I pregi di questo frutto sono legati a vari motivi: intanto le pale di ficodindia non hanno bisogno di essere trattate con antiparassitari e pertanto i suoi frutti possono essere considerati naturalmente “biologici”. Ma le qualità migliori di questi frutti sono rappresentate dalle sue proprietà terapeutiche tanto che consumare fichidindia rappresenta un’ottima cura naturale per l’intero organismo. Tra le più importanti proprietà del ficodindia si segnala quella depurativa, ottima per aiutare l’espulsione dei calcoli renali, e quella coadiuvante nella cura dell’osteoporosi grazie alla quantità di ferro, calcio e fosforo contenuti in questo frutto Il ficodindia è inoltre indicato anche quale integratore nelle diete dimagranti per il suo grande apporto di fibre, che danno un senso di sazietà, e come reidratante e rivitalizzante per chi svolge attività fisica intensa, sia sportiva che lavorativa

 

Contrariamente poi a quello che si pensa e spesso si fa, il frutto del ficodindia può essere consumato interamente: grazie alla minore percentuale di glucosio rispetto alla polpa e ad una maggiore di cellulosa e proteine, la famosa buccia di questo frutto possiede un alto valore nutritivo. Una scoperta “recente” che assomiglia a quella dell’acqua calda se in alcuni paesi della Sicilia era pratica comune nel passato cucinare le bucce fresche e addirittura essiccarle per poi consumarle più tardi.

La fioritura di questa pianta inizia in primavera ma i frutti più pregiati sono quelli tardivi che arrivano sulle nostre tavole a dicembre. Questi fichidindia sono i cosiddetti “bastarduna” o “scuzzulati”: in realtà non sono altro che i fichidindia nati dalla seconda fioritura, che si ottiene eliminando i primi frutti, più piccoli, e costringendo così la pianta a rifiorire. I “bastarduna”, meno numerosi, hanno però un valore di mercato più alto sia perché sono tardivi e dunque frutti invernali sia perché sono più grandi e senza semi. I fichidindia non perfettamente maturi sono chiamati invece “burduni” cioè bastardi, termine che derivando dal latino “burdo”, ossia mulo, animale appunto non puro. Ancora oggi, nel periodo della vendemmia, in tutta l’Isola è tradizione consumare fichidindia nella prima colazione: costume che deriva dall’antica usanza del proprietario della vigna che offriva questi frutti ai suoi vendemmiatori per impedire che mangiassero troppa uva durante il raccolto.



Maggiori Informazioni
Background Image
  • Vivendo lontani dalla nostra Puglia, spesso ci ritroviamo a pensare ai suoi paesaggi, ai sapori e alle meraviglie di questo incredibile angolo di mondo. Il nostro matrimonio è stato un susseguirsi di emozioni, una giornata all’insegna dell’amore e della tradizione. Con nostra grande sorpresa e grazie alla vostra professionalità, siamo riusciti ad organizzare tutto alla perfezione e senza stress, anche se a distanza.
    Incredibile la bontà e l’eleganza dei piatti serviti (rigorosamente a km 0), estrema la cura dei dettagli e degli allestimenti. I nostri ospiti non potevano credere ai loro occhi, sono stati completamente rapiti dallo spettacolare scenario della Tenuta, che è diventata la nostra casa per un giorno :)
    Il nostro più grande grazie va a Nicole e Chiara e a tutto lo staff. Grazie per la pazienza, per le Skype calls, per l’amore e la dedizione riflessi in ogni più piccolo dettaglio. Grazie davvero per aver fatto da cornice ad una giornata che resterà nei nostri ricordi più belli.
    A voi auguriamo di continuare a lavorare in armonia e con l’umiltà che vi contraddistingue.
    Un grandissimo abbraccio!
    Patrizia & Maurizio
  • A week later and we're still buzzing with the excitement from our wedding - fantastic from start to finish! Thank you for organising such an amazing wedding party for us - we couldn't have dreamt of a more magical evening. Your help and attention throughout the planning was excellent and all of our guests (Italian, French, German and English) were left spell-bound by the garden, decorations and food. Amazing! Thank you for making it such a special occasion.
    Tom & Maria Vittoria
  • Ambiente informale ma professionale, cibo eccellente, servizio impeccabile. Siamo felicissimi di aver scelto Tenuta Pinto per il nostro matrimonio, una scelta che rifaremmo senza ombra di dubbio. Un ringraziamento speciale va a Chiara che ha seguito l'organizzazione nei minimi dettagli e con infinita disponibilità. Infine il luogo e la sua atmosfera: la masseria è bellissima e il grande parco con gli ulivi è davvero magico al tramonto.
    Nicole & Alessandro